Torna al catalogo generale

CorOrchestra Cantarchevai

"Nadal encara"

Coinvolgente album live per un originale coro di 22 elementi accompagnato da un ensemble di musicisti tradizionali. Il concerto, qui fissato su CD, si svolge sotto forma di viaggio musicale tra genti d'Europa intente a festeggiare il Natale, ognuno con le proprie atmosfere e sensibilità.

IL CD

Il Natale è uno straordinario periodo, nel quale buio e luce magicamente contribuiscono alla ricerca di contatti tra esseri umani che vogliono festeggiare insieme una loro intima gioia. La disponibilità al viaggio nella festa cristiana ma anche laica e dei riti che erano pagani, può essere vissuta come apertura, nuova ingenuità che rinsaldi la fiducia tra tutti gli uomini. Sempre più il concerto "Nadàl encara" si è connotato come metafora dello stupore dal sapore infantile che il Natale richiama in grandi e piccoli, credenti e non.

In questo viaggio abbiamo incominciato ad intrecciare la tradizione dell'ovest europeo con sonorità più orientali sino ad arrivare, anche con la voce dei poeti, allo sventurato Medio Oriente, luogo ricco di civiltà e religiosità. Quest'intreccio sotterraneo ci pone di fronte al complesso rapporto tra mondi vicini e lontani, ciascuno con il proprio tempo e la propria storia.

I BRANI

Il CD si compone di una ventina di brani, provenienti dalla tradizione di varie regioni europee, registrati durante i concerti tenuti dal CorOrchestra Cantarchevai nella stagione natalizia 2002/2003.
L'obiettivo che ci si prefigge è quello di percorrere un viaggio attraverso le espressioni musicali di varie etnie europee che, partendo dai luoghi più lontani (Bulgaria, Spagna), approda alle tradizioni musicali della terra orobica. Si vuole così valorizzare e confrontare le diversità d'espressione e la ricchezza di melodie e ritmi, talvolta piuttosto inconsueti, con una proposta musicale che possa essere godibile per qualsiasi tipo di pubblico.
Tra i brani che compongono questo CD vi è "Esodi Biblici" composto ed arrangiato dal nostro direttore artistico, con una proposta di rilettura in chiave contemporanea del mito del Natale. I canti sono stati reinterpretati e riadattati a cura di Oliviero Biella per un coro di impianto classico, composto da una ventina d'elementi, suddiviso in quattro sezioni, accompagnato da alcuni musicisti (otto in tutto) con chitarra, tiple, diana, flauto, ottavino, clarino, sax soprano, contrabbasso, fisarmonica, baghet (zampogna orobica), bouzouki (liuto di origine greco/araba), piccole percussioni, ecc..

IL PREZZO

In pieno accordo con il produttore si è voluto pubblicare questo CD destinando una quota del ricavato (di fatto tutti gli utili) ad un progetto di solidarietà con un partner/produttore legato al circuito del Commercio Equo e Solidale (più in specifico con il Consorzio CTM-Altromercato - www.altromercato.it): infatti, come riportato sulla scheda di scomposizione del prezzo pubblicata sul retro della confezione, 2,50 Euro del prezzo pagato dal consumatore verranno destinati al "Progetto Lauz" che vede impegnati il Consorzio CTM-Altromercato e l'ONG palestinese P.A.R.C. nel ripristino dei mandorleti distrutti dall'esercito israeliano durante le incursioni militari di questi ultimi anni. Si vuole così ridare speranza ad una popolazione già troppo duramente colpita dagli eventi bellici.
La destinazione degli utili a progetti di solidarietà per tramite del circuito del Commercio Equo e Solidale non è una novità per il CorOrchestra Cantarchevai: già i due precedenti CD pubblicati per conto della Coop. Amandla di Bergamo (www.amandla.it) avevano le stesse caratteristiche. È invece un'assoluta novità che un'etichetta discografica "normale" abbia voluto aderire ad un'iniziativa di questo genere.

IL CORO

Il coro dell'Associazione Laboratorio di Canto Corale Cantarchevai nasce nel 1994 da un'idea del maestro Oliviero Biella (musicista, ricercatore, compositore ed etnomusicologo, già fondatore e direttore artistico di formazioni affermate). Dopo un periodo di formazione vocale ed artistica (con insegnanti qualificati, come ad es.: Antonella Talamonti della scuola del Testaccio di Roma; Giuseppina Cortesi, insegnante e cantante lirica; Silvia Infascelli, insegnante e cantante jazz), il coro incomincia un percorso che lo porta ad affrontare repertori di musica tradizionale inusuali, come testimoniano i contenuti degli spettacoli proposti.

Dopo aver inciso un CD rappresentativo del repertorio natalizio ("Nadàl", Coop. Amandla-1999, un'opera composta da brani registrati dal vivo, ad oggi esaurita), il CorOrchestra Cantarchevai ha poi ultimato il lavoro di registrazione in studio di un altro album uscito alla fine del 2001 e intitolato "Pitoti" (sempre prodotto dalla Coop. Amandla), con la collaborazione di musicisti di ottima levatura, testimonianza del percorso seguito e stimolo per un'ulteriore evoluzione.
A novembre 2003 è uscito il nuovo cd a tema natalizio edito da FolkClub - Ethnosuoni (utilizzando le registrazioni eseguite "sul campo" durante le passate stagioni concertistiche), mentre l'ensemble è attualmente impegnato nel lavoro di studio di nuovi brani che andranno a comporre la quarta opera discografica.